I redattori di Radio Liberamente in giro per le città di Trieste Trento e Modena hanno intervistano i passanti.

 

RL: “cosa ne pensa se le dico sessualità e salute mentale?”

I:“oh no è inimmaginabile!”

I:“ma dipende, un paziente in una relazione può anche scompensarsi”

I:“secondo me molti miei pazienti hanno una vita sessuale attiva”

I: “è la cosa più bella del mondo”

I: “non mi interessa l’argomento. A me la sessualità dei matti non mi interessa, forse perchè sono single per vocazione, un po’ per scelta e un po’ no … l’argomento non mi conquista, non mi interessa.  Non sono mai impazzito per amore e poi non sono mai impazzito completamente.”

 

RL: “i matti “fanno l’amore”?”

I: “speriamo!”

I: “oddio è orribile!”

I: “in comunità non si può fare!”

I: “a me è capitato in clinica”

I: “Farmaci permettendo … ”

 

Perché queste domande?

“Perché quest’anno a parole ritrovate si parlerà di sessualità ed affettività ma non nell’interpretazione della dipendenza dal sesso come Michael Douglas.” Ci raccontano i redattori della Radio.

Quest’anno il tema scelto chiama in causa tutti, nella dimensione dell’affettività e della sessualità. Temi importanti nella vita quotidiana di ognuno di noi; ma al contempo complessi per chi vive la vita in una condizione di “normalità”, ancora di più per chi vive un percorso di malattia mentale: spesso la malattia mentale condiziona fortemente anche la vita di relazione.

Questo e tanto altro sarà dibattuto alla Tenda al VI Incontro Nazionale de Le parole ritrovate a Modena, il prossimo 21 Ottobre dalle 9.00.

loc p r fronte