Dibattito
Intervengono: Paolo Cianconi, Daniela Giuliani, Centro Studi e Ricerche in Salute Internazionale di Bologna, Associazioni stranieri di Modena, Caleidos Cooperativa Sociale, Gulliver Cooperativa Sociale
Modera: Giulia Bondi
Il convegno vuole essere un laboratorio, spazio di confronto tra operatori socio sanitari ed associazionismo di cittadini migranti per costruire collaborazioni finalizzate all’individuazione di strategie di promozione della salute e di accesso ai servizi di Salute Mentale, da parte delle popolazioni straniere.
Evento realizzato in collaborazione con il Centro Studi e Ricerche in Salute Internazionale e Interculturale di Bologna, Comune di Modena, rete di associazioni di stranieri di Modena, Caleidos Coop. Sociale, Gulliver Coop. Soc.
Sala conferenze Giacomo Ulivi via Ciro Menotti, 137 – Modena

 

CONTENUTI VIDEO

Gli interventi del convegno

Radio Liberamente intervista Paolo Cianconi

Radio Liberamente intervista Centro di Consultazione Culturale di Bologna

Radio Liberamente intervista Casa delle Donne contro la violenza

CONTENUTI AUDIO

Radio Liberamente intervista Lylia Hamadi – ARCI – Milinda – Casa delle Culture
“Durante il progetto nel carcere Sant’Anna si è potuta vedere la possibilità di un rapporto tra associazioni e servizi. Tutti possono ammalarsi, anche la salute mentale fa parte della salute con la S maiuscola. Matto è una persona originale, che dice le cose così come stanno poi però può essere uno che si rifugia …. Follia come modo per alleggerirsi dai pesi interiori..”

 

Radio Liberamente intervista Giulia Bondi
“Salute mentale e immigrazione. È innanzitutto importante sottolineare che chi va a cercare fortuna altrove, parte “sano” ed è proprio quel percorso migratorio che crea malattia. Chi sono gli immigrati, semplicemente persone che cercano di spostarsi liberamente … come fanno i giovani Erasmus …. Come a dire, che differenza c’è tra le due cose? Forse un pari diritto a farlo??!!!!”

 

Radio Liberamente intervista Nadin e Luisa, Casa Delle Donne
“Riflettiamo su uno dei progetti della Casa delle Donne, “SEMIRA ADAMU”. Se volete approfondire: http://www.donnecontroviolenza.it/casa-delle-donne-migranti-“semira-adamu”